Il “caso Ruby” ha ormai oscurato l’agenda politica, totalmente dominata dalla nuova inchiesta dei giudici di Milano a carico del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. I pm milanesi hanno chiesto alla Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera il via libera ad eseguire perquisizioni domiciliari nei confronti del deputato Berlusconi e di alcuni suoi uomini di fiducia, nel tentativo di valutare l’ipotesi di reato di prostituzione minorile. La vicenda si riferisce al caso della ragazza marocchina Karima El Mahrough, più conosciuta come Ruby, che ha frequentato la villa di Arcore tra il febbraio e il maggio 2010 partecipando a feste quando era ancora minorenne.

continua su La bussola quotidiana

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn