Documenti stampa
De Gasperi guarda avanti
«Sono passati ormai centinaia e migliaia di anni…»
. Potrebbe essere l’inizio di una fiaba. Invece è l’inizio della storia del Natale. Quella vera, incominciata – se così si può dire – in Palestina due millenni fa. A questa si intessono infinite storie. Anche quella di Alcide De Gasperi, autore delle parole in apertura. E di un regalo per “Mana”..
È il Natale del 1927. De Gasperi scrive, la moglie Francesca legge e la giovanissima figlia Maria Romana – ha allora appena quattro anni – ascolta. Lucia, che poi sarà religiosa delle Suore dell’Assunzione, ha due anni. Cecilia e Paola sono ancora di là da venire. Per la famiglia è un Natale di preoccupazione e lontananza. De Gasperi è prima rinchiuso nel carcere di Regina Coeli, a Roma, fermato dalla polizia per le sue idee antifasciste, e poi nella clinica dove viene trasferito in ragione della salute precaria. Porta aperta e guardia all’esterno. «Io non posso immaginare Sella (nel natio Trentino, ndr) che nel sole e rivedere i miei quarzi scintillanti nell’acqua d’argento laggiù nell’opaca valletta dell’orso, come l’oro dei Nibelunghi nel fondo del Reno, smarrirmi solo e libero nel silenzio del bosco, re immaginario di un immaginario regno, poi salire alla superficie verde ed ondeggiante come un lago, scorgendo di lontano quali due corolle vive… i due fiori delle mie bambine», scrive De Gasperi. Mentre sulla parete della cella, con uno spillo, annota e geme: Beati qui lugent quoniam ipsi consolabuntur. Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. Alcide De Gasperi, storia e Vangelo. De Gasperi il politico, e fra i pochi ai quali applicare
.... segue

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
logo viviosteopatia valentina

Vivi Osteopatia

VALENTINA POETA
O
steopata
https://viviosteopatia.com/blog
   mobile: +39 349 063 2927 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Facebook